A porte aperte (caso quiz)

Ma torniamo a parlare di cose serie, finalmente: vi propongo un caso semplice semplice il cui scopo è dimostrare che con un buon radiogramma diretto dell’addome, insieme a notizie anche on particolarmente dettagliate sul paziente, possiamo evitarci parecchie TC.

La paziente in questione è femmina, ha 62 anni, e purtroppo per lei è affetta da una non meglio precisata psicosi cronica in oligofrenia: il che si traduce nella quasi totale impossibilità di interrogarla per ottenere una valida anamnesi patologica recente (ma anche remota) e anche nell’oggettiva difficoltà di praticare un esame obiettivo decente. Sappiamo comunque che, in un non definibile passato, la signora è stata operata per una peritonite secondaria a flogosi appendicolare gangrenosa; e che, nelle ultime ore, ha avuto diversi episodi di vomito caffeano, alcuni a getto. L’addome è trattabile, la peristalsi è presente. Gli indici di flogosi sono elevati.

Queste sono le radiografie acquisite dopo l’ingresso in Pronto Soccorso.

0004971337_ADDOME, LETTO_1003

0004971337_ADDOME, SUPINO_1001

0004971337_ADDOME, SUPINO_1002

Adesso tocca a voi: non voglio solo diagnosi di pattern, voglio proprio sapere cosa ha trovato il chirurgo in sala operatoria.

A voi la palla.

8 Responses to “A porte aperte (caso quiz)”

  1. giancarlo ha detto:

    Ci provo: ha trovato anse del tenue incarcerate in un’ernia addominale che ha provocato un ileo meccanico. Hovvintoquaccheccosa?

  2. antonio.bellezza ha detto:

    ileo biliare

  3. Gaddo ha detto:

    @ Giancarlo

    Risposta esatta! Hai vinto uno spriz da consumarsi la prima volta che presenzierai a un congresso del blogger!! 🙂

  4. Gaddo ha detto:

    Ma gli altri, a parte Giancarlo e Antonio??

  5. Emiliano Bruni ha detto:

    Da studente la mia invece è una domanda. Dov’è il colon? Non trovo ne la porzione trasversale ne l’ascendente ne il discendente? Penso di intravvedere il sigmoide ma poi me lo perdo.

  6. Gaddo ha detto:

    @ Emiliano

    Del colon si intravede solo la porzione prossimale, con poca aria dentro. Il resto del colon in effetti non si vede: salvo forse le pareti del discendente distale, collassate. Il che ci sta con il quadro occlusivo di cui si è discusso.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.