Caso quiz di Matteo

foto 2foto 1

Un caso interessante capitato recentemente.

Paziente proveniente da esterno, con prenotazione CUP. Motivo dell’esame: “controllo”. Nessuna precedente documentazione di nessun tipo.

Tutti avrete sperimentato questa strana abitudine dei clinici di fare indovinelli al Radiologo senza fornire nessuna notizia, giusto per complicare le cose. Ovviamente il Paziente non porta nulla di precedenti esami e/o visite. Unico indizio, il timbro del medico richiedente riportava il nome di un grande ospedale di Milano.

Metto in palio 100 € a chi risponde a queste 3 domande:

  1. Quale è la patologia del Paziente?
  2. Quale intervento è stato effettuato?
  3. Qual’è il tipo di dispositivo (device per gli anglomaniaci) e dove sono posizionati tutti gli “elettrodi”?

Chi vuole partecipare dovrà rispondere correttamente alle prime tre domande disponendole nello stesso ordine numerico e stilare un referto (sintetico!).

In caso di vittoria verrò personalmente a portare i soldi della scommessa.

Consegna in tutta Italia, isole comprese.

P.S. Scusate per la qualità delle immagini, non ho saputo fare di meglio!

(Matteo)

19 Responses to “Caso quiz di Matteo”

  1. Albi ha detto:

    1) miocardiopatia ipocinetico-dilatativa (troppo generico?)
    2) è stata fatta una sternotomia mediana (idem troppo generico?)
    3) sembra un defibrillatore; gli elettrodi sembrano messi: uno in parasternale dx; una in paravertebrale dorsale sn; uno dalle parti del ventricolo dx (e dovrebbe esser quello che eroga i Joules)
    Non ho la minima idea dell’uso

  2. mollybloom82 ha detto:

    Da non-radiologa: non ho idea 😉 Ma sono curiosissima!!

  3. matteo ha detto:

    @Albi

    1) risposta sbagliata
    2) risposta sbagliata
    3) risposta corretta è un defibrillatore, ma certamente non uno dei soliti e per vincere il quiz bisogna indovinarlo

  4. francesco03 ha detto:

    1) tetralogia di Fallot
    2) intervento di Ballock
    3)pm -icd sottovuteaneo

  5. matteo ha detto:

    @francesco03

    1) risposta sbagliata
    2) risposta sbagliata, poi si scrive Blalock, Alfred Blalock
    3) non è un PM ma vi ho già detto è un defibrillatore.

    Riprova, sarai più fortunato!

  6. Albi ha detto:

    In effetti la mia seconda risposta è un po’ sbilenca: sternotomia mediana, che pure il paziente ha subito, è la via di accesso per l’intervento che gli è stato praticato.
    Nei due radiogrammi si vedono due punti opachi proiettivamente sull’arco aortico -scusami se uso terminologia inappropriata, ma non sono un radiologo.
    Si può vederne un particolare ingrandito?
    Il device è un ICD monocamerale. Vuoi proprio il nome del modello?

  7. giancarlo ha detto:

    Vedo una calcificazione semilunare in LL sul bordo cardiaco anteriore. Non è che per caso il pz ha avuto un infarto e li c’è un aneurisma calcifico? Oppure un esito di pericardite.

  8. matteo ha detto:

    @giancarlo
    dai dati in mio possesso non ci sono stati infarti, la semiluna probabilmente è esito di intervento cardiochirurgico. Aggiungo un paio di dati, Paziente di 20 anni, con episodio di grave scompenso cardiocircolatorio in anamnesi.

    @ Albi trattasi di elettrodo pacing epicardico unipolare, non importa marca e modello per vincere basta completare le risposte!

    Ultimi giorni per vincere la scommessa, la settimana prossima pubblicherò le risposte.

  9. artosi ha detto:

    ah interessante, ma bho 😉

    allora, e’ sicuramente un ICD extracardiaco; vengono impiegati in bimbi o giovani adulti (credo sia questo il caso) con anatomia vascolare sovvertita; l’accesso e’ tipicamente sottoxifoideo e gli elettrodi sono pericardici, pleurici etc (come in questo caso).

    ora per la malformazione e il conseguente intervento e’ arduo eh,
    tiro ad indovinare, qualcosa c’e’ ma chissa’,
    .. anomalia di taussing-bing corretta, probabilmente non con una singola procedura. (l’intervento sostanzialmente prevede lo switch dei grossi vasi e la chiusura del DIV).

    ciao.

  10. matteo ha detto:

    @artosi
    Ti confermo si tratta di un defibrillatore impiantabile.
    Non è una Taussing Bing ma un’altra patologia congenita e mi risulta sia stato fatto un solo intervento cardiochirurgico.
    Ricordo che per vincere si dovrà rispondere correttamente alle prime tre domande disponendole nello stesso ordine numerico e stilare un referto (sintetico!).

  11. terzodih ha detto:

    Ciao, non ne so niente di radiologia, ma ho iniziato a leggere il tuo blog perchè lo ritengo molto interessante e con molti spunti. Un saluto

  12. matteo ha detto:

    Tutto come previsto, nessuno ha indovinato e io mi tengo le 100€ , che verranno prontamente devolute agli aumenti previsti per pagamento della 2a rata IMU (prima casa).

    Risposte:

    1) Sindrome del cuore sinistro ipoplasico e atresia aortica
    2) Intervento (palliativo) di Norwood e Glenn
    3) ICD con elettrodo pacing/sensing epicardico ad ingresso sottoxifoideo e due finger sottocutanei (parasternale e emitorace sinistro)

  13. matteo ha detto:

    comunque l’esperimento del caso quiz mi è servito per capire un po’ il livello medio di chi segue questo blog. Forse qualcuno avrà intuito qualcosa ma di certo non ci sono dei fenomeni. E comunque io c’ho messo le € 100 e la disponibilità a consegnare di persona in qualsiasi luogo d’Italia, metti che vinceva un radiologo di Cagliari…… avrei dovuto organizzare un viaggio aereo. Meglio così.

    • Gaddo ha detto:

      @ Matteo

      Non essere ingeneroso: il caso era difficile, se non impossibile da risolversi, e temo che per la stragrande maggioranza degli utenti sarà anche l’unico simile che vedranno nell’intera vita. È su altri argomenti che si misura la competenza, secondo me.

    • Austera ha detto:

      Simpatia portami via!
      Tutto dipende dalla realtà’ in cui lavori, Matteo. Se la cardiochirurgia del grosso ospedale di Milano e’ il vostro principale “cliente”, non e’ improbabile che tu sia avvezzo a supercasi del genere. Buon per te. Magari non sarai un fenomeno in tutto…
      Io da povera radiologa “non fenomeno” (in cardiochirurgia, perché’ me la cavo benino su fegato e pancreas) avrei telefonato al richiedente del grosso ospedale e mi sarei fatta raccontare un po di cose del pz per esempio. O magari l’hai fatto anche tu?
      E pace anche per i 100 euro. Come incentivo il denaro non sempre funziona, no?Magari te li puoi bere alla salute di chi segue questo blog.

  14. matteo ha detto:

    @Austera
    lavoro in ospedale periferico, niente cardiochirurgia, pochissima emodinamica e ho fatto vedere la radiografia ai cardiologi che mettono ICD qualche notizia ma senza ottenere risposte. Di certo non sono “avvezzo” a supercasi complicati e nemmeno posso immaginare di occuparmi di un settore specifico , mi impongono di essere tuttologo mio malgrado.
    E comunque ho telefonato al Paziente e gli ho chiesto la documentazione.
    Ed ecco svelato il mistero…Le 100 € si sono già trasformate in boccali di birra. Prosit!

  15. Austera ha detto:

    Questa e’ già’ più’ umana come risposta 😉
    Skål (come si usa dire alle mie latitudini)!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.