Guardate un po’ qui

foto

Riprendendo in mano i discorsi degli ultimi giorni, la foto che accompagna questo post ci dimostra che la questione non riguarda solo il rapporto medico/paziente ma che, come ha sottolineato in modo piuttosto incisivo Giancarlo nei commenti al post, ci sono altri attori che non vanno trascurati.

Gli avvocati, è vero, il cui scopo non è sempre la ricerca della verità e della giustizia ma, talora, il mero guadagno. Mia moglie, che fa appunto quel mestiere lì, in una recente causa ha provato a mediare con il suo collega di controparte per giungere a una soluzione stragiudiziale. La risposta, molto laconica, è stata: Sia il tuo cliente che il mio hanno soldi da spendere e tempo, il mio interesse è portare la cosa per le lunghe. Capite bene come, applicando il teorema al campo medico, l’improvvido avvocato contribuisca ad affossare l’intera credibilità del sistema sanitario nazionale.

E poi ci sono le agenzie di infortunistica. La foto l’ho scattata stamattina, lungo la circonvallazione della mia città, in coda al semaforo. La pubblicità, sul retro di un autobus, recita: Anticipo spese mediche da restituire unicamente a buon esito della pratica. E poi, in alto a destra, più in piccolo: Da noi il colpo di frusta viene liquidato!

Ecco, se io potessi decidere autonomamente sulla questione, io queste agenzie del cavolo non solo le sottoporrei a controlli molto più serrati di quanto già avvenga, ma una parte della spesa sanitaria la farei pagare proprio a loro. Perché affermare: ti anticipo le spese mediche e poi me le restituisci a fine pratica vuol dire, semplicemente, incitare alla polemica medico-legale anche quando non ci sono le basi per sostenerla; nemmeno quelle del buon senso. E poi, il colpo di genio: Da noi il colpo di frusta viene liquidato!

Come se con la concorrenza non fosse così, intanto. E poi dichiarando, in un modo che non consente fraintendimenti, che è proprio ad agenzie come quella della incredibile pubblicità automobilistica che dobbiamo l’ingolfo quotidiano dei nostri Pronto Soccorso: grazie alle maree di radiografie del rachide cervicale assolutamente inutili, perché nella stragrande maggioranza dei casi sarebbe sufficiente la sola valutazione clinica; dannose per il paziente non solo per il prezzo del ticket ma anche e soprattutto per l’esposizione indebita a radiazioni ionizzanti; costose per la struttura ospedaliere in termini di soldi e tempi di attesa.

E allora io farei pagare loro, quando la pratica non va a buon fine perché il paziente ha un collo più in forma del mio. Gli farei pagare tutto: i soldi della prestazione e il risarcimento morale e materiale per la struttura che ha sostenuto i costi e i pazienti, specialmente gli altri pazienti, che mentre si studiavano colpi di frusta risibili hanno atteso ore intere prima di essere congedati.

9 Responses to “Guardate un po’ qui”

  1. giancarlo ha detto:

    Sottoscrivo ogni singola parola. Nella mia città (40000 abitanti), i negozi normali chiudono al ritmo di uno al giorno. Resistono solo i Compro Oro, quelli di sigarette elettroniche e ben due agenzie per riscossione assicurazioni in casi di malasanità come quella descritta da Gaddo…

  2. Pier Silverio ha detto:

    Si vede che abbiamo sbagliato mestiere: dovevamo fare gli avvocati.
    … anzi: gli assicuratori…

    Ma riguardo a quel tipo di “agenzie” di infortunistica, non si potrebbe far presente la cosa a qualcuno? In pratica è come se scommettano che lo Stato (nella forma di SSN) sbagli qualcosa, e guadagnino dal giocare contro di esso. Secondo me siamo molto ma molto vicini ai limiti dell’illegalità.

  3. Vito ha detto:

    Ma la domanda nasce spontanea:
    Ma se esistono queste “agenzie” e’ perché lavorano.
    E perché lavorano?
    Forse oltre ai “soliti noti” tanti ex pazienti ora definiti clienti ed altri termini vari, spesso si trovano a combattere contro un muro di gomma della burocrazia e sanita’ Italiana.
    La frase ” noi il colpo di frusta lo paghiamo” e’ secondo me atta a far leva sulle migliaia di persone che quotidianamente lottano tra ufficio INPS, ASL, periti, liquidatoli, clausole vessatorie, timbri, marche da bollo, assistenti sociali, ospedali, sale d’attesa, reception, richieda il PIN on-line, centralini e segreterie, gente che non sa, provi a quello sportello…. Ma e’ aperto solo il 30 febbraio!!!!!

    Certo,queste “agenzie” non devono esistere, ma per non esistere serve una struttura sanitaria efficace, una burocrazia snella, trasparenza, competenza, onesta’..
    cose di cui purtroppo in Italia siamo molto carenti

  4. giancarlo ha detto:

    Ciao Vito,
    Tali agenzie esistono anche e soprattutto, perchè siamo un paese di furbi che campa alle spalle delle assicurazioni e sul colpo di frusta ci ha pascolato da tempi immemori. Poi sono d’accordo sulla burocrazia, ma il fatto che le assicurazioni da noi costino il doppio che in altri Paesi europei, la dice lunga su che razza di approfittatori siamo noi…

  5. Vito ha detto:

    Sul fatto di essere un popolo di approfittatori il discorso e’ innegabile.
    Innegabile e’ che se c’e’ l’occasione tutti tentano il maggior profitto.
    Innegabile e’ che siamo un popolo di furbetti ed amici di…
    Innegabile e’ che i politici….. Ehmmm no, grazie evitiamo…… Non e’ il luogo

    Innegabile e’ che non comprendo come IO per un esame aspetto mesi.
    Innegabile e’ che se uso la stessa struttuta e lo stesso medico ma PRIVATAMENTE, l’esame lo faccio domani
    Innegabile e’ che mia nonna disabile al 100% da 6 anni e sfortunatamente venuta a mancare, i miei genitori l’accompagnamento non lo hanno mai preso ed ora e’ in prescrizione. Ti tediano fino a cedere
    Certo che poi la gente esasperata si rivolge a questi avvoltoi perche’ così pensano di aver giustizia

    Innegabile e’ che finti invalidi prendono signore pensioni d’oro. Ma allora, quando si sente al TG che li beccano; che fine fanno i “MEDICI” con il loro mitico giuramento che hanno certificato???
    Poi sono nulla tenenti e finisce all’italiana: tarallucci e vino.

    Scusate, sono andato fuori tema nel finale ma comunque si ricollega all’esistere di tali agenzie

  6. Vito ha detto:

    Inoltre: sul fatto che da noi in Italia le polizze costino il doppio se non ben oltre…
    Bene, fate un giro sui dati ISVAP oggi Ivass, a come viene “gestito” l’albo e da chi, sui bilanci delle compagnie assicuratrici, sulle fusioni e scissioni “fittizie”, su chi sono i soci di capitale, sui CARTELLI creati per cui le maggiori compagnie sono state multate ma capitali mai versati ma comunque debiti fiscali azzerati, interventi dei vari governi con sovvenzioni mascherate.
    Per non parlare di tutte le clausole vessatorie presenti in ogni polizza.

  7. giancarlo ha detto:

    @Vito
    Sul fatto che le assicurazioni facciano cartello sfondi una porta aperta: pensa alla questione della loss of occurrence alla quale TUTTE le compagnie si sono opposte in blocco per passare al tipo claims made e tutto sarà ben comprensibile. Sono,anche d’accordo con te su come sia poco politically correct ottenere un esame in pochi giorni fatto privatamente piuttosto che i mesi di attesa in una lista convenzionale. Non ci facciamo certo una bella figura anche se, carte alla mano, la legge ce lo consente e questa pratica è stata creata anche e soprattutto per permettere al paziente di scegliersi il medico di fiducia e non quello che ti capita. Per non assomigliare, in breve, al,sistema sanitario della ex Unione Sovietica o di Cuba, in cui ti becchi il medico che lo Stato ti da e deve pure stare zitto. Ma ammetto che la questione è un pò sfuggita di mano. Risolvere il problema delle liste di attesa? Semplice: eliminiamo alla radice quella metà di esami radiologici inutili che sono stati dimostrati di esistere solo perchè il paziente ti impone di farli o perchè ormai la medicina difensiva è diventata una triste realtà. Sono esami che ci costano alcune decine di miliardi all’anno. Paragonare, prego, con la decina di miliardi che il governo non sa come racimolare senza mettere l’IMU o aumentare l’IVA…

  8. Gaddo ha detto:

    Che il cielo ascolti Giancarlo. L’accuratezza prescrittiva o sarà la nostra tomba o sarà la nostra ancora di salvezza.

  9. giancarlo ha detto:

    La vedo dura, caro Gaddo. La vedo mooooolto dura…

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.