Il prossimo che mi dice

20131204-134829.jpg

Il prossimo che mi dice, con aria dubbiosa: “Ma come pensi di riuscire a portare 60 persone a Rovereto a sentir parlare di testa-collo?”, beh, io lo meno.

4 Responses to “Il prossimo che mi dice”

  1. giosi ha detto:

    Per la verità i posti vanno a ruba e bisogna iscriversi con largo anticipo a tutti i corsi di Rovereto. Alcuni dei miei specializzandi sono riusciti ad iscriversi ma due dei miei colleghi strutturati non hanno più trovato posto. Spero che vi siano repliche annuali per lo meno per i corsi più affollati.

    • Gaddo ha detto:

      In realtà abbiamo liste di attesa molto lunghe, per questo corso sono rimasti fuori altrettanti partecipanti dei corsisti: e comunque si, tutti i corsi verranno replicati ogni anno, alcuni forse in due occasioni, a sedi alterne (Treviso-Rovereto).
      La considerazione, scherzosa, era per chi si meraviglia che il capo-collo possa tirare così tanto: la sezione ha solo 400 iscritti ma i corsi e congressi sono sempre pieni. Forse il problema, dicevo due giorni fa all’attuale presidente di sezione, sono le modalità di comunicazione coi soci. Ma c’è tempo di parlarne e ampi margini per far meglio.

  2. Peppone ha detto:

    Purtroppo per quel che mi riguarda, Rovereto è praticamente impossibile…ma quando sarà nuovamente organizzato a Treviso…voglio esserci !

    Ps. Ma se suggerisco una sorta di brevissima “prelazione” per gli iscritti alla sezione ? Sarei troppo str…?

    • Gaddo ha detto:

      Assolutamente no. Potessi decidere in proposito, riempirei di contenuti il sito di sezione, lo chiuderei ai non soci e a corsi come il mio (che sarà ripetuto in dicembre 2014 a Treviso) effettivamente garantirei ai soli soci la possibilità di una pre-iscrizione preferenziale. Un po’ come quando sei socio di un negozio di abbigliamento e ti chiamano a casa per i pre-saldi. Si tratta solo di organizzarsi: speriamo bene.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.