Leggera leggera si bagna la fiamma

Giancarlino Perdigiorno
ha perso il tram di mezzogiorno,
ha perso la voce, l’appetito,
ha perso la voglia di alzare un dito,
ha perso il turno, ha perso la quota,
ha perso la testa (ma era vuota),
ha perso le staffe, ha perso l’ombrello,
ha perso la chiave del cancello,
ha perso la foglia, ha perso la via:
tutto è perduto fuorchè l’allegria.

La filastrocca, modificata dai miei bambini dove appare chiaro che è stata modificata, è di Gianni Rodari. La canzone della clip è “Giudizi Universali”, di Samuele Bersani, tratto dall’album del 1997 che porta il nome dell’Autore. In questa circostanza si tratta della versione interpretata da Ilaria (che io manco sapevo chi fosse fino a che Spotify, che come noto a tutti gli utenti è cattivo dentro, mi ha proposto la sua interpretazione). Nel complesso, mi sembra, è tutto chiaro: la canzone piace a lei, la filastrocca a lui. Non c’è bisogno di aggiungere altro.

2 Responses to “Leggera leggera si bagna la fiamma”

  1. trilly ha detto:

    Caro Gaddo ti seguo sempre . Sei un medico professionalmente preparato ed un papà dolcissimo come dimostrano molte delle tue riflessioni.
    Sai prenderti cura di chi ti circonda nonostante i tuoi tempi accelerati e ristretti.
    Dalla poesia dei tuoi bimbi esce la figura di un papà un po’ stanco e distratto, ma che sa sempre sorridere e questo è quello che conta: nutrire i bambini di allegria , di sogni , di coraggio , di speranza. Ascoltarli con un sorriso anche se la mente a volte ti spingerebbe altrove..
    La poesia è bellissima. La canzone anche.
    Complimenti per il tuo blog, per il tuo modo di vivere la professione.
    Continua così ” senza calpestare il cuore” come dice la canzone
    Buon lavoro
    Trilly

  2. Gaddo ha detto:

    Grazie, sei molto cara. I bambini capiscono sempre più degli adulti, sanno arrivare molto più in profondità. È per loro che nutro i sensi di colpa più grossi, quando ce ne ho: il che accade spesso. Ti abbraccio.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.