Ma la vita continua, e io non riesco ad abituarmi a vivere senza di te

Mi aveva molto commosso la notizia che sul Lander Chang’ E-4, sbarcato sulla faccia nascosta della Luna durante l’ultima missione cinese, fosse germogliata una pianticella di cotone. Una piccola pianta nata così lontano da casa, in un ambiente brullo e inospitale, sotto un cielo nero e, direbbe forse il poeta, tutto trapunto di stelle.

Poi la pianticella di cotone è gelata, quando la temperatura della notte lunare è scesa a -150: dice che i cinesi lo avevano messo in conto, ma questa consapevolezza non è che mi consoli più di tanto.

Ecco: in questo momento così delicato della mia vita, in cui tanti nodi stanno venendo al pettine, mi sembra di poter trarre da questa storia una lezione importante.

Il cotone può germogliare anche sulla faccia nascosta della Luna, certo. Ma poi devi prenderti cura della piantina, altrimenti muore.


La canzone della clip è “I want to break free”, dei Queen, tratta dall’album “The works” del 1984. Dopo aver visto il film a loro dedicato, mi sto letteralmente spaccando coi loro album. Come ha detto mia figlia, farò come al solito: non ascolterò altro per un mese, poi andrò in un’altra direzione. Nel mentre, penso che quel lontano 1984 fu davvero un anno speciale: non solo per le cose belle e terribili che mi capitarono, ma anche per il disco dei Queen e quello dei Van Halen. Che da soli sarebbero bastati a renderlo indimenticabile,

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.