Ma non si può tagliar la barba per questioni di look

Sapeste che giornate piene. Che corse, da quando mi sveglio e mi infilo in auto a quando si fa sera e metto a letto i bambini: che spesso riesco solo a farfugliare una parola di commiato a quella poveretta di mia moglie e poi defungo, senza dignitose alternative.

Però, al tempo stesso, sapeste che energia mi sorregge. Quanto entusiasmo può derivare da un lavoro a cui tieni e a cui ti appassioni di più ogni giorno che passa, oltre ogni precedente immaginazione. Piccoli passi per una strada lunga: che percorro da tre mesi e poco più, ma a volte mi sembra di non essere mai stato altrove e di non aver mai fatto altro.

Dell’altrove, invece, a volte mi mancano solo i colleghi: al punto che ogni tanto ne chiamo uno e ci faccio due chiacchiere, solo per sentire la loro voce. Ma non perché i colleghi di adesso siano da meno, assolutamente: è solo che dopo quattordici anni di trincea comune è normale, credo, concedersi un minuto di nostalgia personale ogni tanto. La nostalgia fa bene, è curativa.

Ecco perché poi, quando meno me lo aspetto, finisco per sentirmi come il Garibaldi innamorato della clip: Posso darti solo amore, canta l’eroe, tutto quello che vorrai.

Quella che sto percorrendo è una strada lunga e per arrivare alla fine ci vorrà molto amore. Tutto quello che ci vorrà, pavento.

(La canzone della clip è, appunto, Il Garibaldi innamorato di Sergio Caputo: nella versione ritmata del disco Serenadas (1998). Ho scelto questa versione perché possiate ballarla senza freni con il vostro coniuge o compagno, qualora ne abbiate uno e se come me avete anche la fortuna che sia un valente ballerino, o con vostro figlio/figlia: la mia è straordinariamente coordinata e quando la balliamo ci divertiamo sempre un mondo)

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.