Perché i medici italiani sono finiti? La crisi epocale del SSN dal punto di vista di un povero radiologo ospedaliero

Regalo di Natale 2019: sapete che ogni anno non posso esimermi dal produrre saggistica da due soldi (vedi omonima categoria) e condividerla con voi.

Questa volta non racconto storie d’amore e morte, non parlo di viaggi o di supereroi. Questa volta si tratta di un’analisi, vi avviso che è molto lunga e tortuosa, sullo stato pietoso del nostro servizio sanitario nazionale. Nasce dall’esperienza personale dell’ultimo anno e mezzo, dalla quale riemergo a pezzi ma ancora vivo, e dalle riflessioni che ho fatto quando le cose sembravano veramente disperate. Non che adesso non lo siano, intendiamoci, ma almeno l’orizzonte è più chiaro.

Se volete leggerla, armatevi di tempo e pazienza e cliccate qui. Se avete problemi di ansia, o problemi con il sottoscritto, fate pure a meno: è un periodo felice in cui mi sento, come dire, un tantinello reattivo. Pertanto, non rispondo pienamente delle mie reazioni.

Comments are closed.