Un altro salvatore della patria

Io quest’ansia comunicativa delle star di Hollywood comincio davvero a non comprenderla: oppure la comprendo anche troppo, e mi sembra che ognuno stia cercando guadagnarsi la prima pagina dei giornali scavalcando i colleghi con l’affermazione più sconvolgente.

Si, d’accordo, lo sapevamo ancora prima di Michael Douglas che il papillomavirus può provocare il cancro alle vie aero-digestive superiori. E si, lo ammetto, tra colleghi ne abbiamo anche un po’ cachinnato, vista una delle probabili genesi del problema a cui lui accenna con grande dovizia di particolari.

Insomma, quello che voglio dire è che inizia a diventarmi indigesto questo scenario improbabile in cui i comici salvano le nazioni dalla rovina, e gli attori salvano l’umanità dalla malattia e dalla morte.

4 Responses to “Un altro salvatore della patria”

  1. Januarium ha detto:

    Voglia di protagonismo, di far parlare di sè: il problema è che la stampa nazional-popolare questo va trovando…

  2. Gaddo ha detto:

    Come non sottoscrivere tutto: specie la parte relativa alla stampa nzional-popolare.

  3. marcaurelioiii ha detto:

    In realtà secondo me ha fatto bene, perchè è vero che molti medici lo sanno, ma la maggior parte delle persone non lo sa, ed è divertente vedere i commenti sull’articolo del giornale di persone normali che pensano sia impossibile.
    C’è anche un dibattito in corso e cioè se far vaccinare anche i maschi per il papilloma virus (come si fa per le donne) proprio per evitare il cancro orale agli uomini.
    Del cancro più se ne parla e meglio è, almeno se lo si vuole sconfiggere….

  4. Gaddo ha detto:

    Ahimè, devo dissentire almeno parzialmente. In ambito sanitario le minchiate in eurovisione le disse persino Veronesi, quando si mise a parlare del cancro al polmone sconfitto dallo screening, figuriamoci un attore di Hollywood. Bisogna stare attenti, in questo periodo, quando si parla di salute: la gente impazzisce per molto meno di così.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.